Página inicialGruposDiscussãoMaisZeitgeist
Pesquise No Site
Este site usa cookies para fornecer nossos serviços, melhorar o desempenho, para análises e (se não estiver conectado) para publicidade. Ao usar o LibraryThing, você reconhece que leu e entendeu nossos Termos de Serviço e Política de Privacidade . Seu uso do site e dos serviços está sujeito a essas políticas e termos.

Resultados do Google Livros

Clique em uma foto para ir ao Google Livros

Carregando...

Elogio da Loucura (1511)

de Desiderius Erasmus

Outros autores: Veja a seção outros autores.

MembrosResenhasPopularidadeAvaliação médiaConversas / Menções
3,970543,093 (3.81)1 / 74
Desiderius Erasmus (1466-1536) was a Dutch humanist, scholar, and social critic, and one of the most important figures of the Renaissance. The Praise of Folly is perhaps his best-known work. Originally written to amuse his friend Sir Thomas More, this satiric celebration of pleasure, youth, and intoxication irreverently pokes fun at the pieties of theologians and the foibles that make us all human, while ultimately reaffirming the value of Christian ideals. No other book displays quite so completely the transition from the medieval to the modern world, and Erasmus's wit, wisdom, and critical spirit have lost none of their timeliness today.This Princeton Classics edition of The Praise of Folly features a new foreword by Anthony Grafton that provides an essential introduction to this iridescent and enduring masterpiece.… (mais)
Carregando...

Registre-se no LibraryThing tpara descobrir se gostará deste livro.

» Veja também 74 menções

Inglês (22)  Espanhol (10)  Holandês (9)  Catalão (7)  Italiano (2)  Português (Portugal) (1)  Sueco (1)  Alemão (1)  Francês (1)  Todos os idiomas (54)
Mostrando 1-5 de 54 (seguinte | mostrar todas)
Título tradicional «Elogio de la locura»
  okkaro | Sep 14, 2023 |
Il 27 OTTOBRE 1466 nasce Erasmo da Rotterdam filosofo, umanista, teologo e saggista. Tutti hanno sentito nominare almeno una volta “Elogio della follia”, un libro scritto in latino nell’arco di una settimana oltre cinquecento anni fa. Dalla lettura di questo capolavoro, che ho letto, badate bene, non in latino ma in italiano e in versione moderna Kindle, disponibile online gratuitamente, ho avuto la conferma che la follia ha una sua logica. La conferma la ritroviamo nei turbinosi avvenimenti che viviamo giorno dopo giorno. Due, in particolare, mi hanno colpito: qui da noi in Italia, una giovane donna di un partito di destra politica, di nome Giorgia, fa il suo primo discorso alla Nazione in veste di Primo Ministro, mentre, nella perfida, ex-imperialista Britannia, un ricco miliardario di nome Rishi, dalla ex-colonia India, diventa Primo Ministro. Pensate un pò come cambia il mondo. Intendo qui parlare della “follia” di Erasmo, in altra occasione mi occuperò di quella italiana ed inglese.

La filosofia della vita di Erasmo è quanto di più lontano dalla follia si possa immaginare. Eppure scrisse questo libro cinque secoli fa. Monaco, perché per un orfano senza mezzi né inclinazioni particolari il convento era un passaggio obbligato. Pochi mesi dopo essere stato ordinato canonico agostiniano lasciò il convento di Steyn grazie alla chiamata del vescovo di Cambrai, che gli offriva un’occupazione da segretario. Da segretario, però, doveva viaggiare e questo disturbava i suoi studi. Convinse, allora, il vescovo a lasciarlo partire, con un modesto assegno, per l’università di Parigi.

Fu protagonista, con Marsilio Ficino e tanti altri, della rivoluzione umanistica che gettò le basi intellettuali della modernità, Erasmo, insomma, fu tutto salvo che un rivoluzionario e tanto meno un “folle”. E poi, ancora, fu cattolico, ma amico di Martin Lutero, si allontanò quando Lutero cercò di strappargli nette prese di posizione sia politiche che religiose e poi declinò con garbo l’offerta del cappello cardinalizio dei cattolici. Nell’Europa delle guerre di religione, anziché schierarsi, pensò al dopoguerra.

Ho detto di avere avuto modo di rileggermi il libro in maniera approfondita soltanto oggi, dopo di avere avuto per anni con me la copia cartacea del libro che non restituii alla biblioteca dell’ospedale mentale di Harperbury, a nord di Londra, dove dovetti confrontarmi davvero con quella che in genere viene chiamata follia o pazzia. Folle è colui che crede di sapere senza conoscere, pazzo è colui che lo ascolta e gli crede senza sapere.

Ma quella fu un’esperienza per me diversa, perchè quei miei pazienti con i quali vissi per più di due anni, erano sia l’una che l’altra cosa, con qualcosa in più: avevano deficienze sia mentali che fisiche. Quella era un genere di follia ben lontana da quella di cui si occupò Erasmo, in latino. I pazzi o i folli di cui parla e scrive Erasmo, o meglio, fa parlare il personaggio “Folly” sono altra cosa. Ma vediamo in breve il contenuto dell’opera.

Originariamente scritto in latino, il libro si presenta come un lungo discorso o “declamazione” pronunciato da una Follia personificata. Erasmo usa il personaggio di Folly come portavoce per criticare e prendere in giro le debolezze della natura umana in generale, nonché molte delle istituzioni e dei costumi del suo tempo, sia all’interno che all’esterno della chiesa.

Usando sarcasmo, ironia, arguzia e una ricchezza di allusioni erudite alla letteratura classica, Erasmo descrive la follia come una forza potente negli affari umani. Il libro si conclude con una rappresentazione della sincera fede cristiana come forma positiva e redentrice di follia che ha il potenziale per dare all’umanità un senso di estasi spirituale elevando gli esseri umani al di sopra delle preoccupazioni del mondo.

Erasmo afferma di aver scritto il libro in una settimana mentre si trovava a casa del suo amico Sir Thomas More a Londra; il titolo latino del libro, “Moriae Encomium”, è un gioco sul nome di More. Il libro ha subito una serie di revisioni durante la vita di Erasmus e ha provocato un’ampia varietà di reazioni, dall’elogio all’attacco. Ad esempio, papa Leone X ne fu molto divertito e divertito, mentre un altro uomo di chiesa credeva che Erasmo stesse tentando di distruggere la chiesa attraverso la sua satira.

Erasmo difese e chiarì molti aspetti di Elogio della follia nella sua lettera del 1515 a Maarten Van Dorp, un giovane teologo che aveva criticato l’opera. La satira di Erasmo è stata accreditata per aver attirato l’attenzione del pubblico su molti degli abusi nella chiesa che avrebbero portato alla Riforma protestante e cattolica.

Folly, raffigurata come una donna che indossa un costume da sciocco, si presenta a un’assemblea e dichiara che, sebbene non apprezzata e non riconosciuta, è responsabile della felicità dell’uomo. Pertanto consegnerà un “elogio” a se stessa. Spiega la sua storia familiare e presenta i suoi assistenti e prosegue parlando dell’influenza che ha sulla vita dell’uomo. Dice che i matrimoni e il parto non esisterebbero mai senza di lei e la vecchiaia viene addolcita e mitigata da lei. Anche gli dei sono in debito con lei, come dimostra il loro comportamento.

La follia descrive le donne come sciocche perché cercano costantemente la bellezza e compiacere gli uomini, mentre gli uomini sono ancora più ridicoli perché la bellezza di una donna li induce a compiere atti assurdi. La follia è essenziale poiché le riunioni pubbliche devono includere la follia per essere divertenti. Le amicizie non avrebbero mai successo senza follia, perché le persone si dicono che le stranezze dei loro amici sono le loro virtù più alte. In effetti, tutte le relazioni sulla terra, incluso il matrimonio, hanno bisogno di follia e adulazione per procedere armoniosamente.

La follia sostiene che l’amore per se stessi non è una cosa negativa e che le persone devono piacere a se stesse per realizzare qualcosa di valore. Secondo Folly, i progetti non sarebbero mai realizzati se non fosse stato per lei, e inoltre, le persone tendono ad amare lo sciocco più del saggio; in fondo lo stolto diverte e dice la verità senza offendersi e, a volte, alla brutale verità è preferibile una sciocca illusione.

Nella seconda metà del libro, Folly critica vari ceti sociali e professionali. Inizia con avvocati e medici, poi tocca filosofi, giocatori d’azzardo, cacciatori, gente superstiziosa, autori di libri, poeti, uomini d’affari, grammatici, persone ossessionate dalla loro stirpe e ascendenza, artisti e persino intere nazioni e città. Tutte queste persone, dice Folly, mostrano un alto livello di follia, come dimostrato dal loro compiacimento, stupidità e irrilevanza.

Si rivolge in modo specifico ai teologi; sono, dice, più in debito con lei di qualsiasi altra classe di persone perché sono orgogliosi delle loro oscure argomentazioni e interpretano le Scritture per adattarle alle loro opinioni e tesi. Peggio ancora, i teologi confondono i loro ascoltatori con giri di parole confusi e ignorano il vero messaggio di Cristo. I monaci dimenticano il Vangelo mentre papi, cardinali e vescovi vivono una vita di lusso. Anche i principi e i governanti secolari ignorano il loro popolo, assecondando i propri capricci.

Negli ultimi capitoli del libro, Folly si rivolge all’idea del pazzo cristiano. La Scrittura loda la semplicità e l’ignoranza, e Cristo e San Paolo parlavano di mansuetudine e umiltà. Cristo è stato, dice la follia, il più grande sciocco di tutti, perché si è fatto peccato per redimere i peccatori. Per Follia, questi esempi dimostrano che la religione cristiana assomiglia più alla follia che alla saggezza. Inoltre, Folly sottolinea che un cristiano dovrebbe cercare la trasformazione divina, un’aspirazione che suggerisce la follia, e avvicinarsi il più possibile a Dio. La follia si conclude ricordando ai suoi ascoltatori di godersi la vita il più possibile come il più illustre discepolo. Erasmo chiude il suo libro con queste parole:

“Ma ormai, dimentica di me stessa, ho passato da un pezzo i limiti. Tuttavia, se vi pare che il discorso abbia peccato di petulanza e prolissità, pensate che chi parla è la Follia, e che è donna. Ricordate però il detto greco: “spesso anche un pazzo parla a proposito”; a meno che non riteniate che il proverbio non possa estendersi alle donne. Vedo che aspettate una conclusione: ma siete proprio scemi, se credete che dopo d’essermi abbandonata a un simile profluvio di chiacchiere, io mi ricordi ancora di ciò che ho detto. C’è un vecchio proverbio che dice: “Odio il convitato che ha buona memoria”. Oggi ce n’è un altro: “Odio l’ascoltatore che ricorda”. Perciò addio! Applaudite, vivete, bevete, famosissimi iniziati alla Follia.” ( )
  AntonioGallo | Oct 26, 2022 |
QBB-3
  Murtra | Jun 3, 2021 |
MBB-4
  Murtra | May 4, 2021 |
FBB-6
  Murtra | Apr 9, 2021 |
Mostrando 1-5 de 54 (seguinte | mostrar todas)
sem resenhas | adicionar uma resenha

» Adicionar outros autores (531 possíveis)

Nome do autorFunçãoTipo de autorObra?Status
Erasmus, Desideriusautor principaltodas as ediçõesconfirmado
Bange, PettyContribuinteautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Dam, Harm-Jan vanTradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Dean, Leonard F.Tradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Dirkzwager Czn., A.Tradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Dirkzwager, A.Tradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Eliass, KārlisTradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Eliass, KristapsTradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Hahn, Albert, Jr.Designer da capaautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Hersch, HeinrichTradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Hiensch, A.J.Tradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Holbein, Hans (de Jongere)Ilustradorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Hudson, Hoyt HopewellTradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Jagtenberg, A.Designer da capaautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Kan, A.H.Editorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Kan, J. B.Tradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Levi , A. H. T.Introduçãoautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Loon, Hendrik Willem VanIntroduçãoautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Medina, JaumeTradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Nielson, A. C.Tradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Nolhac, Pierre deTradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Nordberg, MichaelTradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Radice, BettyTradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Rat, MauriceContribuinteautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Vermeer-Pardoen, J.M.Tradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Wilson, JohnTradutorautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Zariņš, VilnisPrefácioautor secundárioalgumas ediçõesconfirmado
Você deve entrar para editar os dados de Conhecimento Comum.
Para mais ajuda veja a página de ajuda do Conhecimento Compartilhado.
Título canônico
Título original
Títulos alternativos
Informação do Conhecimento Comum em inglês. Edite para a localizar na sua língua.
Data da publicação original
Pessoas/Personagens
Lugares importantes
Eventos importantes
Filmes relacionados
Epígrafe
Dedicatória
Informação do Conhecimento Comum em alemão. Edite para a localizar na sua língua.
Thomas Morus
Primeiras palavras
Citações
Informação do Conhecimento Comum em espanhol. Edite para a localizar na sua língua.
Ser Dios consiste en ayudar a los mortales
Últimas palavras
Informação do Conhecimento Comum em inglês. Edite para a localizar na sua língua.
(Clique para mostrar. Atenção: Pode conter revelações sobre o enredo.)
Aviso de desambiguação
Editores da Publicação
Autores Resenhistas (normalmente na contracapa do livro)
Idioma original
Informação do Conhecimento Comum em inglês. Edite para a localizar na sua língua.
CDD/MDS canônico
LCC Canônico

Referências a esta obra em recursos externos.

Wikipédia em inglês (1)

Desiderius Erasmus (1466-1536) was a Dutch humanist, scholar, and social critic, and one of the most important figures of the Renaissance. The Praise of Folly is perhaps his best-known work. Originally written to amuse his friend Sir Thomas More, this satiric celebration of pleasure, youth, and intoxication irreverently pokes fun at the pieties of theologians and the foibles that make us all human, while ultimately reaffirming the value of Christian ideals. No other book displays quite so completely the transition from the medieval to the modern world, and Erasmus's wit, wisdom, and critical spirit have lost none of their timeliness today.This Princeton Classics edition of The Praise of Folly features a new foreword by Anthony Grafton that provides an essential introduction to this iridescent and enduring masterpiece.

Não foram encontradas descrições de bibliotecas.

Descrição do livro
Resumo em haiku

Current Discussions

Nenhum(a)

Capas populares

Links rápidos

Avaliação

Média: (3.81)
0.5 1
1 5
1.5 2
2 21
2.5 5
3 84
3.5 18
4 117
4.5 15
5 91

É você?

Torne-se um autor do LibraryThing.

 

Sobre | Contato | LibraryThing.com | Privacidade/Termos | Ajuda/Perguntas Frequentes | Blog | Loja | APIs | TinyCat | Bibliotecas Históricas | Os primeiros revisores | Conhecimento Comum | 205,923,249 livros! | Barra superior: Sempre visível