Página inicialGruposDiscussãoMaisZeitgeist
Pesquise No Site
Este site usa cookies para fornecer nossos serviços, melhorar o desempenho, para análises e (se não estiver conectado) para publicidade. Ao usar o LibraryThing, você reconhece que leu e entendeu nossos Termos de Serviço e Política de Privacidade . Seu uso do site e dos serviços está sujeito a essas políticas e termos.
Hide this

Resultados do Google Livros

Clique em uma foto para ir ao Google Livros

La Vita Agra (Tascabili Bompiani) de Luciano…
Carregando...

La Vita Agra (Tascabili Bompiani) (original: 1962; edição: 2002)

de Luciano Bianciardi

MembrosResenhasPopularidadeAvaliação médiaConversas
1633128,435 (3.96)Nenhum(a)
Membro:ilariak
Título:La Vita Agra (Tascabili Bompiani)
Autores:Luciano Bianciardi
Informação:
Coleções:Sua biblioteca
Avaliação:
Etiquetas:Nenhum(a)

Detalhes da Obra

La vita agra de Luciano Bianciardi (1962)

Carregando...

Registre-se no LibraryThing tpara descobrir se gostará deste livro.

Ainda não há conversas na Discussão sobre este livro.

Exibindo 3 de 3
Fosse solo il ritratto di un fondamentale passaggio nella storia sociale italiana, staremmo parlando comunque di un signor libro. Discorso che si può riproporre pari pari se non si trattasse altro che della rappresentazione di un uomo che vorrebbe porsi fuori dal coro e combattere contro la società così com’è strutturata, ma ha anche un estremo bisogno di farsi accettare dallo stesso mondo che dice di rifiutare. Ma il terzo romanzo del grossetano Bianciardi non si limita a intrecciare i due temi sopra esposti con smaliziata abilità, bensì li racconta con una lingua brillante, a volte addirittura travolgente, in cui le trovate lessicali si mischiano alle derivazioni dai dialetti inanellando passaggi funambolici e mantenendo un ritmo infallibile e costante che coinvolge il lettore fino a immergerlo in un momento storico che pure non ha vissuto. La figura centrale, che narra in prima persona, ha lascia la provincia - oltre alla moglie e al figlioletto - per andare a vivere a Milano con l'intento iniziale di vendicare i minatori morti in un incidente causato dalla scarsa sicurezza sul lavoro (il riferimento è alla miniera di Ribolla, 1954): l’aspirazione sarebbe di far saltare il ‘torracchione’ in cui ha sede l’impresa mineraria, ma bisogna sbarcare il lunario e quindi ecco l’impiego di traduttore come fonte di sostentamento dopo che è saltato il posto come redattore di un piccolo periodico. Se tutto attorno sta partendo il cosiddetto miracolo economico, la vita smette di essere difficile: camere ammobiliate senza riscaldamento da condividere con casuali compagni di viaggio (l’ingombrante Carlone, i giocatori di pelota) e pranzi in latterie economiche facendo con cura il conto dei soldi. In questa sorta di boheme della periferia milanese giunge infine Anna, con la quale il protagonista intreccia un’appassionata storia d’amore spingendosi a fare il salto che lo porta all’affitto di un appartamentino: l’inizio di un’esistenza di routine, contrassegnata sempre da un’obbligata e spasmodica attenzione alle spese, che finisce per impoverire persino la passione. Si tratta di quella stessa routine criticata negli altri, gli operai descritti nell’apocalittica rappresentazione dei ‘treni del sonno’ e gli impiegati incarnati nelle segretarie inacidite: feroce la descrizione delle camminate sui tacchi che fanno sussultare le gote anziché il petto che le donne del nord non hanno. Del resto, l’iroso narratore, dietro il quale si scorge con chiarezza l’autore, ne ha per tutti: i padroni e tutto il meschino ambiente lavorativo (la tragicomica revisione delle traduzioni), il partito e/o il sindacato (l’attività di sezione predicata da una piccola borghese), il dominio assoluto dei dané con il corollario di bollette da pagare e creditori asfissianti, il traffico ossessivo che è una minaccia anche solo se si attraversa la strada per un caffè, il consumismo nascente con l’acquisto di prodotti inutili sotto i neon del supermercato, i nuovi miti di una società massificata come la televisione o l’auto di proprietà o ancora la villeggiatura ai quali non resta che contrapporre un disperato ‘io mi oppongo’. Di conseguenza, ecco il vagheggiato ritorno a un mondo semplice e rurale basato sul libero amore e il baratto, ma l’impressione che non si tratti altro che di parole cresce con il passare dei capitoli laddove, tra una filippica e la successiva, la voce narrante si arrabatta con i problemi quotidiani senza mai dare concretezza ai suoi proposità di velleitaria ribellione. Il volume si mantiene così su di un doppio binario: da una parte c’è il racconto della brusca trasformazione sociale che è all’origine del nostro quotidiano, dall’altra l’analisi della psicologia di un uomo che vorrebbe, ma non può non essere uno dei tanti. ( )
  catcarlo | Oct 23, 2017 |
Così ho finalmente appreso l’etimologia di Brera o, meglio della Braidense (da Braida, campus vel ager suburbanus in Gallia Cisalpina), grazie al toscanissimo Bianciardi, che nella zona milanese di Brera ha iniziato la sua avventura milanese. Brera come era negli anni’ 50, non il quartiere artefatto e iper-modaiolo di oggi, ma area realmente ‘alternativa’, frequentata da giovani di belle (si fa per dire) speranze, artisti e spiantati vari, provenienti da ogni regione d’Italia, che consumavano le loro serate fra trani e crote peimunteise e i loro giorni in cerca di fortuna nella metropoli del primo dopoguerra. E quello che nel romanzo è il bar delle Antille non è altro che il celeberrimo Jamaica.
Raccontando Milano Bianciardi racconta il ‘miracolo economico’, ma soprattutto i suoi costi sociali e umani. La descrizione della città, e dei suoi abitanti, è impietosa. Quello che colpisce, a più di mezzo secolo dalla data di pubblicazione del romanzo, è che le differenze con l’oggi sono solo apparenti. Non c’era la metropolitana, ma il tram con il bigliettaio (‘avanti c’è posto’), c’era ancora la pausa pranzo e non l’orario continuato e l’apertura degli esercizi commerciali h 24 sette giorni su sette, ma c’era la nebbia e l’inquinamento, la fretta costante (per andare dove?), la sete di guadagno, il lavoro che non si chiamava ‘precario’ ma lo era di fatto, i supermercati e la creazione (imposizione) di bisogni fittizi, il centro con le sue ragazze patinate e irraggiungibili e il degrado delle periferie o semi-periferie. Leggendo queste pagine si trovano le premesse del presente che, appare evidente, non poteva essere diverso. Bianciardi non ha certo amato Milano, ma chi può dargli torto? La vita che racconta, la sua e di altre persone del suo mondo, è stata veramente ‘agra’, in una città se non proprio cattiva, certo indifferente e sfruttatrice.
Un libro formidabile, assolutamente da leggere. Non l’avevo fatto a suo tempo e sono contenta di avere colmato ora questa lacuna. ( )
  Marghe48 | Aug 30, 2017 |
Bianciardi Luciano - La vita agra
Pubblicato per la prima volta nel 1962, questo romanzo è un impietoso e dissacrante ritratto della città attraversata dal miracolo del “boom economico”, dove sotto la patina del benessere emerge il disagio esistenziale di un sistema che integra e spersonalizza.
Il libro narra la storia di un giovane intellettuale della provincia, trasferitosi a Milano per cercare lavoro nella nascente “Industria Culturale”. Così, almeno, lascia intendere alla moglie, ma nei suoi intenti c’è la volontà di vendicare la morte di alcuni minatori, avvenuta a causa della negligenza dei padroni. Il suo obiettivo è quello di far saltare il “torracchione”, il palazzo dove ha sede la dirigenza dell’azienda mineraria, simbolo del potere che antepone gli interessi economici al valore della vita umana. Egli si accorge che la nuova realtà che lo accoglie, e che vorrebbe coinvolgere per portare avanti il suo scopo, è insensibile, indifferente, piacevolmente intorpidita dalle suggestioni del consumismo. Quello che aveva individuato come responsabile della condizione di sofferenza di quei minatori, altro non è che una parte, quella superficiale, di una sovrastruttura che con i suoi valori e modelli ha attecchito nel profondo il modo di vivere di un’ intera collettività, e che finirà per fagocitarlo.
  edascenzi | Apr 7, 2010 |
Exibindo 3 de 3
sem resenhas | adicionar uma resenha
Você deve entrar para editar os dados de Conhecimento Comum.
Para mais ajuda veja a página de ajuda do Conhecimento Compartilhado.
Título canônico
Informação do Conhecimento Comum em Italiano. Edite para a localizar na sua língua.
Título original
Títulos alternativos
Informação do Conhecimento Comum em Italiano. Edite para a localizar na sua língua.
Data da publicação original
Pessoas/Personagens
Lugares importantes
Informação do Conhecimento Comum em Italiano. Edite para a localizar na sua língua.
Eventos importantes
Filmes relacionados
Informação do Conhecimento Comum em Italiano. Edite para a localizar na sua língua.
Premiações
Epígrafe
Dedicatória
Informação do Conhecimento Comum em Italiano. Edite para a localizar na sua língua.
al nobile amico Carlo Ripa di Meana
Primeiras palavras
Citações
Últimas palavras
Aviso de desambiguação
Editores da Publicação
Autores Resenhistas (normalmente na contracapa do livro)
Idioma original
Informação do Conhecimento Comum em Italiano. Edite para a localizar na sua língua.
CDD/MDS canônico

Referências a esta obra em recursos externos.

Wikipédia em inglês

Nenhum(a)

Não foram encontradas descrições de bibliotecas.

Descrição do livro
Resumo em haiku

Links rápidos

Capas populares

Avaliação

Média: (3.96)
0.5
1
1.5
2 1
2.5
3 5
3.5 1
4 9
4.5 1
5 6

É você?

Torne-se um autor do LibraryThing.

 

Sobre | Contato | LibraryThing.com | Privacidade/Termos | Ajuda/Perguntas Frequentes | Blog | Loja | APIs | TinyCat | Bibliotecas Históricas | Os primeiros revisores | Conhecimento Comum | 158,043,903 livros! | Barra superior: Sempre visível