Página inicialGruposDiscussãoMaisZeitgeist
Pesquise No Site
Este site usa cookies para fornecer nossos serviços, melhorar o desempenho, para análises e (se não estiver conectado) para publicidade. Ao usar o LibraryThing, você reconhece que leu e entendeu nossos Termos de Serviço e Política de Privacidade . Seu uso do site e dos serviços está sujeito a essas políticas e termos.
Hide this

Resultados do Google Livros

Clique em uma foto para ir ao Google Livros

Carregando...

The Bunker Diary

de Kevin Brooks

MembrosResenhasPopularidadeAvaliação médiaMenções
3082066,582 (3.65)10
Sixteen-year-old Linus Weems, a street person since leaving his wealthy father's home, is kidnapped and taken to an underground bunker where he is soon joined by five others, ranging in age from nine to seventy, who are alternately cared for and tortured by their unseen captor.
  1. 00
    What Happened to Cass McBride? de Gail Giles (beyondthefourthwall)
    beyondthefourthwall: Young people kidnapped and held underground and must figure things out quickly to have any shot at survival.
  2. 00
    The Girl in the Box de Ouida Sebestyen (beyondthefourthwall)
    beyondthefourthwall: Suddenly kidnapped and held below ground, the protagonists have little to turn to other than their own writing.
Carregando...

Registre-se no LibraryThing tpara descobrir se gostará deste livro.

Ainda não há conversas na Discussão sobre este livro.

» Veja também 10 menções

Mostrando 1-5 de 20 (seguinte | mostrar todas)
teen/adult fiction. I pretty much read this in one sitting. ( )
  reader1009 | Jul 3, 2021 |
Era da tantissimo tempo che avevo in "lettura" questo libro, dopo averlo comprato cartaceo e iniziato una volta, circa un annetto fa e lasciato in sospeso dopo alcune pagine ho deciso di ritentare, volevo a tutti i costi finire la lettura e poter mettere la parola fine una volta per tutto eliminandolo finalmente dalla mia infinita TBR che si allunga ahimè ogni minuto. E ora posso finalmente relegarlo in un angolo della mia libreria per non leggerlo probabilmente mai più in tutta la mia vita. Detta così sembra che questo libro sia il male, peggio di qualunque libro trash o orrendo che esiste al mondo ma la verità è che in questo volume non c'è proprio nulla che non va e anzi, ha meritato di sicuro la vittoria della Carnegie Medal in quanto è veramente molto bello, curato e ben scritto e allora, perché tutti questi drammi e le mie appena 2 stelline? Molto semplicemente perché questo volume mi ha fatto sentire male, mi ha creato un'angoscia tale da togliermi il respiro. Bunker Diary è uno dei libri più angoscianti e pesanti che abbia mai letto in tutta la mia (breve) vita. Tutta la storia ruota attorno al rapimento del sedicenne Linus e di altre 5 persone tra cui una bambina. Queste personaggi molto diversi tra di loro per ceto sociale, età e orientamento sessuale sono stati rapiti e rinchiusi in un bunker, non si sa da chi e per quale motivo. Per tutto il corso della lettura non verremo mai a sapere cosa abbia spinto questo folle (o folli?), uomo o donna che sia a rapire queste persone e soprattutto cosa voglia ottenere dalla loro detenzione, possiamo semplicemente leggere le parole scritte da Linus, una sorta di diario del carcerato che non fa altro che aumentare il senso di malessere e inquietudine. L'abilità di Kevin Brooks di descrivere questo ambiente, questo bunker claustrofobico e la disperazione dei personaggi mi ha shockata, più volte sono stata tentata di interrompere la lettura ma la curiosità ha preso il sopravvento, avevo bisogno di scoprire altro, sapere il perché, cosa sarebbe successo a Linus e ai suoi compagni di sventura e più leggevo e più stavo male, più mi sentivo triste e disperata, una persona senza speranza e prigioniera. A fine lettura mi sono ritrovata sconvolta e distrutta, quasi come se fossi stata io stessa protagonista del romanzo e avessi vissuto in prima persona certi eventi traumatici. Per questo motivo non ho potuto dare più di due stelline nonostante il volume mi rendo conto ne valga 5 piene. Ho voluto dare un voto così basso probabilmente per il mio modo di essere e si rapportarmi con i libri, anche quando mi lancio nella lettura di autori come Stephen King, che fanno del brivido e dell'horror il loro mestiere mi sento appagata, per quanto un libro possa essere pesante non provo mai un vero e proprio malessere, ho letto libri di Stephen King come la lunga marcia in cui mi sono sentita coinvolta e sconvolta per la vicenda ma mai così... non mi sono mai distaccata così tanto da un libro, di solito amo provare emozioni e sensazioni belle o brutte che siano essendo per me queste una delle cose fondamentali in quanto i libri devono essere vissuti e devono provocarci emozioni ma in questo caso... proprio non ce l'ho fatta. Non so perché... probabilmente questa scelta di violenza psicologica gratuita, questa decisione di non farci scoprire nulla, noi per tutto il libro non sappiamo nulla del rapitore, se è solo una persona che agisce o meno, non capiamo cosa lo abbia spinto, cosa potrebbe averlo portato a fare una cosa tanto estrema e crudele e forse è proprio questo il punto, il non poter scavare oltre nella vicenda ed essere come i protagonisti ignari di tutto. Siamo abituati a sentir parlare di violenza ogni giorno eppure abbiamo sempre (o quasi) un killer, uomo o donna che sia, da analizzare, guardare e comprendere o cercare di farlo, possiamo sapere chi è, dove viveva e perché ha fatto quello che ha fatto e almeno comprendere le sue motivazioni o la sua follia in questo libro tutto questo ci viene negato, potrebbe essere un pazzo che si è alzato una mattina decidendo di torturare persone a caso o è una persona magari vittima della società, forse ridotta in miseria o forse un riccone sadico, magari un uomo colto, il classico bravo vicino che aiuta le vecchiette ad attraversare la strada... insomma non sappiamo nulla! Potrebbe essere chiunque e questa cosa insieme alla scelta orrenda e disumana di aggiungere tra i protagonisti una bambina di appena 9 anni mi ha fatto scadere completamente tutta la lettura rendendomela indigesta. Dubito lo rileggerò mai e francamente non so neanche se sarò in grado di leggere altro di questo autore, mi sento però di non sconsigliarvelo. Nonostante non mi sia evidentemente piaciuto e mi abbia reso ancora più triste e depressa di quando ho avuto l'idea brillante di iniziarlo ve lo consiglio, se siete amanti di questo genere e cercate qualcosa di claustrofobico, qualcosa che vi tolga quasi il respiro Bunker Diary è il libro che fa per voi e difficilmente lo dimenticherete in caso contrario, passate pure senza problemi, risparmiatevi la lettura se siete impressionabili! ( )
  GiadaLexy | Sep 27, 2020 |
Very dark, a brilliant read ( )
  karenshann | Dec 31, 2019 |
Wow what... do I even say about this book. First of all, I'd hesitate to categorize this as YA as it is extremely dark. I think this book is something that might suit a discussion forum quite well, if your book group is interesting in asking more extrapolated, theoretical questions rather than actually discussing what is in the book. It brings up a lot of interesting points (e.g. how we create meaning, whether seeing logic in a set of actions outside of your control matters, what it means to try and live by your principals when it may hurt you to do so). However, these same ideas could be brought up in a much, much less brutal way. I personally will never reread this book and felt very jarred by it, especially the ending. If you like thrillers, dark psychological torture, etc. you might enjoy it. In some ways, it reminded me of the last 1/3 of Dan Chaon's "Ill Will," which I did like quite a lot, but this didn't have anything experimental or driving about the text. Just bad thing after bad thing. ( )
  PlaidApple | Jan 11, 2019 |
Not sure how to rate this one, so I'm giving it a neutral 3. On one hand, I was riveted and had to stop myself from skipping ahead numerous times. I finished it in one day (and I should have been doing homework).

NO SPECIFIC PLOT SPOILERS AHEAD, BUT DON'T CONTINUE IF YOU WANT A FULL SURPRISE








On the other hand, I felt like the ending was a copout. Like, "I couldn't decide on several plot points so I went with the "and then I woke up and it was all a dream" kind of resolution. Unsatisfying, and not in the way other books with ambiguous or not so happy endings resolve. It was just a pisser. ( )
  Kaytron | Feb 28, 2017 |
Mostrando 1-5 de 20 (seguinte | mostrar todas)
sem resenhas | adicionar uma resenha
Você deve entrar para editar os dados de Conhecimento Comum.
Para mais ajuda veja a página de ajuda do Conhecimento Compartilhado.
Título canônico
Informação do Conhecimento Comum em Italiano. Edite para a localizar na sua língua.
Título original
Títulos alternativos
Data da publicação original
Pessoas/Personagens
Lugares importantes
Eventos importantes
Filmes relacionados
Premiações
Informação do Conhecimento Comum em inglês. Edite para a localizar na sua língua.
Epígrafe
Dedicatória
Primeiras palavras
Citações
Últimas palavras
Aviso de desambiguação
Editores da Publicação
Autores Resenhistas (normalmente na contracapa do livro)
Idioma original
CDD/MDS canônico
Canonical LCC

Referências a esta obra em recursos externos.

Wikipédia em inglês (1)

Sixteen-year-old Linus Weems, a street person since leaving his wealthy father's home, is kidnapped and taken to an underground bunker where he is soon joined by five others, ranging in age from nine to seventy, who are alternately cared for and tortured by their unseen captor.

Não foram encontradas descrições de bibliotecas.

Descrição do livro
Resumo em haiku

Capas populares

Links rápidos

Avaliação

Média: (3.65)
0.5
1 2
1.5 1
2 7
2.5 1
3 15
3.5 5
4 24
4.5 4
5 14

É você?

Torne-se um autor do LibraryThing.

 

Sobre | Contato | LibraryThing.com | Privacidade/Termos | Ajuda/Perguntas Frequentes | Blog | Loja | APIs | TinyCat | Bibliotecas Históricas | Os primeiros revisores | Conhecimento Comum | 163,155,990 livros! | Barra superior: Sempre visível